Spirito Santo dei Napoletani

Santo-Spirito-dei-Napoletani.jpg Santo-Spirito-dei-Napoletani.jpg

Per 50 anni, a partire dal 1934, fu chiesa nazionale del Regno delle Due Sicilie. Alle origini era chiamata Santa Aura in strada Iulia e vi era annesso un monastero di monache. Nel 1572, ridotta ad un pessimo stato, venne affidata alla Confraternita dello Spirito Santo dei Napoletani che rase al suolo la struttura preesistente per costruirne una nuova dedicata proprio allo Spirito Santo, su disegno dell’architetto Domenico Fontana.